Pane di zucca e nocciole

Buono, buono,buono…e grande soddisfazione. La pasta madre ha colpito ancora. Dopo consigli trovati girando di blog in blog, finalmente mi sono cimentata in una ricetta tutta mia, variante di quella che di solito faccio per un pane di base, oramai collaudata.

In questa stagione la zucca ci sta…le nocciole poi mi sembravano un abbinamento perfetto. Avevo voglia di un pane da colazione/merenda non troppo dolce e diverso da un “pane base” (che ultimamente è di farina integrale e con i semi di lino).

Cura e amore, pazienza di aspettare la lievitazione e impazienza di infornare…un inizio di impasto ieri alle 9 del mattino, sfornato alle 11 di sera, assaporato oggi a colazione…ed ecco il risultato…

Una ricetta adatta alla collezione di novembre di SALUTIAMOCI.

…e se proprio la pasta madre vi spaventa, non ce l’avete (ma posso darvene un pezzo della mia) o non avete tutto questo tempo e comunque vi fa voglia farlo…(qui lo dico e qui lo nego, dopo la mia conversione alla pasta madre) provate le stesse dosi con mezzo cubetto di lievito di birra fresco.

 

 

STAGIONALITA’ RICETTA: autunno/inverno – DIFFICOLTA’: 3/5 – TEMPO: 30 minuti + lunga lievitazione

Ingredienti:

  • 200 g di pasta madre rinfrescata
  • 300 g farina tipo 2
  • 100 g farina di mais fioretto
  • 200 ml di succo di mela
  • 160 g di zucca cotta
  • 30 g di nocciole intere
  • 50 g di nocciole tritate grossolanamente
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di malto
  • 1 cucchiaino di sale
  • un cucchiaio di latte di avena per spennellare

0h / ore 9:00 – rinfrescate la pasta madre

+6h / ore 15:00 – sciogliete 200 g di pasta madre rinfrescata nel succo di mela, aggiungete la zucca passata al setaccio,  l’olio, il sale e cominciate ad aggiungere le  farine setacciate. Quando l’impasto comincerà ad avere una certa consistenza aggiungete le nocciole tritate e quelle intere. Mescolate con una forchetta continuando ad aggiungere le farine, quindi passate sul tagliere ed impastate bene fino ad ottenere una palla liscia e omogenea. Lasciate lievitare in una ciotola coperta da una pellicola trasparente.

+5h /ore 20:00 – sgonfiate l’impasto e stendetelo con le mani in forma più o meno quadrata sul piano ben infarinato. Tagliate dall’impasto 3 strisce che terrete da parte. Con il resto procedete con le pieghe prendendo i 4 lembi dell’impasto e portandoli al centro. Date una forma a filoncino alla pasta, quindi deponetela delicatamente su uno stampo da plum cake foderato di carta da forno. Arrotondate le 3 strisce tagliate facendole scivolare sul piano da lavoro e intrecciatele. Ponetele sopra al panetto nello stampo. Coprite con la pellicola trasparente e lasciate riposare lontano da correnti d’aria.

+ 2h / ore 22:00  – Spennellate la superficie con latte, infornate a 200°C  per 50 minuti mettendo nel forno una ciotolina di acqua. Sfornate e lasciate raffreddare su una gratella.

 

Con questa ricetta partecipo alla bellissima iniziativa SALUTIAMOCIospitata questo mese da LaViaMacrobiotica:

20 Comments

  1. Ma che buonissimo pan dolce! Da farsi al più presto! Ho la zucca che mi aspetta in frigo!

  2. ma che bello che t’è venuto! 🙂 la pasta madre è diventata ormai irrinunciabile per me, e trovo che non sia neppure difficile da “mantenere”,
    grazie

    • @Stelladisale: intanto grazie per essere passata e per il tuo commento…e grazie anche (assieme alle altre) per la bellissima iniziativa di Salutiamoci…è un percorso che anch’io sto percorrendo piano piano, verso l’uso di ingredienti sempre più “calibrati” e devo dire che la vostra iniziativa mi ha aiutata e soprattutto mi ha fatto conoscere altri blog dai contenuti veramente interessanti! Bhè il pane con la zucca è davvero stato una grande soddisfazione. Ma sai che ogni tanto apro il frigo solamente per rimirare ed annusare la pasta madre? oramai da parte della nostra famiglia! 😉

  3. intanto piacere di incontrarti…da fb sono qui, perché le ricette con la zucca mi interessano molto perché mi piace salutiamoci e perché vedo il tuo pane invitantissimo, la pasta madre l’ho congelata da un po’ avendo poco tempo da dedicarle ma mi sà che la tiro fuori presto 😉

    • @Patrizia: piacere anche mio! Lo penso anch’io che qs iniziativa sia davvero una grande occasione per tutte noi per dare il meglio e per metterlo a disposizione di tutti! A presto e grazie per il tuo commento.

  4. Wow, favoloso questo pane!!!!

  5. il pane ha un aspetto strepitoso: giallo come il sole con quelle nocciole golose che lo impreziosiscono…bellissima ricetta :)grazie

  6. Scusami, la farina di mais fioretto, che ho cercato anche per altre ricette,io non la trovo…

  7. grazie!…l’ho trovata in un’azienda e ho fatto questo meraviglioso pane…che però ha una punta un po’ acidina che a me non dispiace ma i miei non amano!!! dipenderà dalla pasta madre? la mia ha solo un paio di mesi….CIAO e complimenti..

    • ciao Chiara. La PM rende il pane un po’ più acido. Se per te è troppo, prova a fare dei rinfreschi ravvicinati che diminuiscono l’acidità (2/3 successivi ogni 3-4 ore). Buona panificazione 🙂

  8. trovo interessante questa ricetta e vorrei provarla con il lievito madre,,…..che uso ormai da anni…………ma vorrei chiederti……….a casa uso farina 00, 0, manitoba, e semola rimacinata………potrei sostituire la farina di tipo 2 con qualcuna di queste?che mi trovo in casa?
    grazie

    • ciao Patty, certo puoi sostituire la farina tipo 2 con quelle che hai menzionato. Ricorda però che le farine 00, 0 e manitoba sono farine raffinate, che apportano pochi nutrienti al pane. Certo il risultato è ottimo per l’alto contenuto di glutine…ma se riuscissi a sostituirle con quelle semintegrali, daresti davvero un “valore nutrizionale” in più al pane che fai! 🙂 A presto

  9. L’ho provato oggi per la prima volta e diventerà un must dell’autunno. Buonissimo.

  10. Ciao! Ti seguo ormai da più di anno e ora vorrei sperimentare anche questa meravigliosa ricetta. Ho un piccolo dubbio: se volessi fare questo pane con il li.co.li, che cambiamenti dovrei apportare alle dosi?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*