Zuppa nera di cicerchie e riso venere

E anche oggi si mangia a colori. Una zuppa nera, insolita, nella quale ho usato una base di verdure verdi: i porri usati nella loro interezza e le foglie dei cavolfiori di casa belle fresche (che è un peccato non utilizzare). A regalarci il colore scuro (ricco di antociani) è il riso venere cotto direttamente nel brodo assieme alle verdure e al legume (le cicerchie). E’ un riso integrale e in quanto tale ha un basso indice glicemico, in questa ricetta attenuato anche dalla presenza del legume. Riso ricco di antiossidanti e di vitamine idrosolubili ha la peculiarità di sprigionare in cottura un piacevolissimo aroma di pane, tanto che oggi mi sono ritrovata inconsapevolmente con il naso sopra alla pentola e gli occhi socchiusi a gustarne il profumo.

Eccoli i doni preziosi della cucina naturale: colori, profumi, emozioni…un modo piacevole per fare prevenzione!

 

zuppa-nera-di-cicerchie-e-r

 

STAGIONALITA’ RICETTA: autunno/inverno – DIFFICOLTA’: 2/5 – TEMPO: 60 minuti

Ingredienti per 4 persone:

  • 1,2 litri di brodo vegetale
  • 100 g di cicerchie secche
  • 100 g di riso venere
  • 2 porri
  • 8 foglie di cavolfiore
  • 3 foglie di alloro
  • 2 rametti di timo fresco
  • sale
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

Mettete in ammollo le cicerchie per almeno 24 ore cambiando l’acqua una paio di volte.

Al momento di preparare la zuppa: tagliate fettine sottili i porri anche nella loro parte verde e fateli stufare con un cucchiaio di olio e un paio di acqua su una pentola di coccio. Tagliate finemente anche le foglie del cavolfiore (sia la parte bianca che quella bianca più coriacea), unite un paio di mestolini di brodo vegetale caldo e continuate la stufatura. Unite ora le cicerchie sciacquate, coprite con qualche mestolo di brodo caldo, aggiungete anche le erbe aromatiche e fate cuocere per circa 10 minuti. Unite ora il riso venere, il restante brodo bollente e proseguite la cottura per una quarantina di minuti. Regolate di sale, spegnete il fuoco e lasciate riposare per qualche ora prima di servire con un filo di olio a crudo.

Zuppa pensata per la cara MariZ e per il SUO contest, “Una zuppa scalda il cuore”:

 

2 Comments

  1. Grazie Laura, sei un tesorino! <3
    mi piacciono molto le cicerchie, di solito le uso per polpette e polpettoni… ho imparato che possono essere ottime anche nelle zuppe! e che zuppa!!! 😛
    grazie e in bocca al lupo! 😉

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*